Fregola con i friggitelli

Oggi vi ripropongo la fregola, in un’altra variante, con i friggitelli dell’orto, dei piccoli peperoncini verdi dal sapore dolciastro, deciso. Si raccolgono in questo periodo e prevalentemente sono diffusi in tutto il sud Italia prendendo per lo più il nome di friarelli.

Vi lascio i link alle ricette dei friggitelli ripieni  clicca qui  e le pennette  ai friggitelli e salsiccia clicca qui

La fregola è una delle pietanze tipiche della tradizione culinaria sarda, amo prepararla in tanti modi, sia d’estate che d’inverno, se trascorrerete le ferie in Sardegna vi consiglio di assaggiarla, e vedrete che la adorerete, ne vorrete senz’altro portare via qualche confezione da far provare ai vostri cari e riproporre delle ricette.

Ingredienti:

  • 320 g fregola sarda media
  • 12 friggitelli
  • 1 cipolla intera
  • 1 spicchio d’aglio
  • 5 pomodori da sugo
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • olio evo
  • pecorino sardo (a piacere)
Ingredienti per il brodo vegetale:
  • 1 cipolla
  • 2 pomodori secchi
  • 1 carota
  • 1 patata
  • 1 gambo di sedano
  • prezzemolo q.b
  • sale grosso
  • pecorino sardo a scaglie (a piacere)

Preparazione:

Per prima cosa preparate il brodo vegetale ponendo 1,5 litri di acqua in una pentola, aggiungete un pugno di sale grosso, una carota, una cipolla, pomodori secchi, prezzemolo, e fatelo raffinare per circa 45 minuti.

Soffriggete una cipolla e uno spicchio d’aglio in una capiente padella antiaderente, aggiungete i friggitelli dopo averli lavati, tagliato la parte superiore  ed eliminato i semini e ridotti a tocchetti.

Fate cuocete a fuoco lento per una decina di minuti, aggiungendo del brodo caldo se necessario, salate e sfumate con 1/2 bicchiere di vernaccia di Oristano.

Versate la fregola, fate tostare come un risotto e versate a poco a poco i mestoli di brodo, a metà cottura aggiungete i pomodori tagliati a cubetti e continuate la cottura rispettando i tempi riportati sulla confezione.

Gli ultimi minuti di cottura aggiungete a piacere il pecorino a scaglie, e mettete il coperchio.

Fate leggermente raffreddare e servite.

Vi auguro una buona preparazione e come sempre vi dò appuntamento al prossimo articolo.

 

 

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More